07 gennaio 2021

RG270: Una Riempitrice Avanzata, Sotto Molti Aspetti

​La confezionatrice alimentare RG270 è nata per offrire al mercato una riempitrice avanzata sotto molteplici aspetti: dall’efficienza all’igiene, dall’affidabilità all’ergonomia

In questo articolo condivideremo una panoramica generale delle caratteristiche della nostra RG270, confezionatrice ideale per medi e grandi produttori con una produzione annua da 15 a 25 milioni di confezioni.

Cominciamo col dire che questa riempitrice è stata realizzata da Galdi CON i suoi clienti.

Prima dell’avvio del progetto, abbiamo infatti coinvolto i possessori di altri modelli Galdi chiedendo feedback legati alla loro esperienza diretta.


Una scelta che ci ha premiato, permettendo alla RG270 di essere installata in molti Paesi, da realtà importanti come:

riempitrice-alimentare-alte-prestazioni-rg270-galdi

DATI TECNICI


  • Fino a 7.000 cartoni/h
  • Confezioni da 250 a 2000 ml
  • Sezioni 57x57m, 70x70, 70x95, 91x91, 95x95
  • Precisione di dosata (con prodotti liquidi): +/- 1 grammo
  • Dosaggio di tutti i prodotti viscosi, liquidi, schiumogeni o con pezzi fino a 10mm.


​Configurazioni disponibili



Applicatore tappi integrato come optional (se ordinato possibilità di disabilitarlo in funzione della ricetta scelta a pannello).
Raffreddamento saldature cartone (fondo e tetto) con acqua gelida per garantire la massima precisione.




PROGETTAZIONE MODULARE


La RG270 ha rappresentato un vero spartiacque nella filosofia di progettazione Galdi.

Prima di questo modello, realizzavamo macchine molto diverse tra loro, per caratteristiche tecniche, telaio e “stile” di progettazione.

Con la RG270 è stato introdotto il concetto di Piattaforma, ossia la creazione di un progetto base su cui sviluppare le configurazioni ad hoc per prodotti confezionati e packaging specifici.

Questa scelta ci ha permesso di incrementare notevolmente la nostra capacità di troubleshooting e di miglioramento continuo.

La RG270 è stata anche il primo modello a essere concepito secondo i principi del Design Integrato:

  • configurazioni specifiche partendo dal prodotto e dal tipo di chiusura
  • adattamento di tutte le stazioni allo scopo
  • stazioni modulari per consentire upgrade più semplici
  • focus sulla sinergia dei componenti


UNA CONFEZIONATRICE AD ALTE PRESTAZIONI IGIENICHE


La sicurezza alimentare è una delle priorità per Galdi.

La RG270 è stata concepita per essere una riempitrice avanzata anche dal punto di vista degli standard igienici, nel rispetto delle normative MOCA e delle direttive europee e americane (3A UL, FDA).

I team di progettazione Galdi hanno sviluppato diverse soluzioni per ridurre i rischi di contaminazione del prodotto confezionato, sia all’interno che dall’esterno, fattore particolarmente importante per prodotti ESL o per l’uovo liquido.
Tra queste:

  • camera igienica in sovrappressione
  • flusso d’aria sterile nella zona di riempimento e sul tank del dosatore
  • pulizia automatica del CIP Box
  • Cicli SIP e CIP automatizzati
  • cappa con filtri HEPA


Particolare attenzione è stata rivolta ai cicli di lavaggio e sanificazione della riempitrice, con accorgimenti progettuali che migliorano l’accuratezza della pulizia - anche per le parti non a contatto diretto con il prodotto - e azzerano la necessità di interventi manuali. Ovviamente garantendo un ciclo di lavaggio più breve possibile (1:30 h).

Anche in questo caso, i risultati ottenuti nascono da un approfondito lavoro di ricerca che continua secondo i principi dell’Hygienic Design.

Dal punto di vista igienico, possiamo inoltre offrire supporto diretto ai nostri clienti, con formazione specifica oppure tramite il nuovo servizio di lavaggio con test ATP post collaudo.



UNA RIEMPITRICE UNIVERSALE


Abbiamo già accennato in altri articoli al concetto di “robustezza”. Per noi, è la capacità della macchina di garantire le stesse performance nel tempo indipendentemente dalle caratteristiche del sito di produzione, dal formato o dal tipo di cartone utilizzato.

Quest’ultimo punto è particolarmente importante. La RG270 è progettata per gestire:

Questo grazie alla lunga esperienza di collaborazione, e sperimentazione, con tutti i principali produttori mondiali di imballaggi in cartone poliaccoppiato.

La riempitrice può uscire dalla fabbrica con configurazioni native multiple, con la possibilità di ulteriori upgrade.

In caso di cambio della tipologia di carta, è concepita inoltre con l’obiettivo di garantire minime modifiche alle stazioni. Questa qualità si rivela preziosa considerata l’introduzione sul mercato di packaging più green con grammatura ridotta.

Ovviamente non è un risultato ottenuto dall’oggi al domani, ma è frutto di molteplici analisi e test. Particolarmente preziosa si è rivelata la collaborazione con l’Università di Ingegneria Meccanica di Padova per lo studio delle caratteristiche fisico-meccaniche dei cartoni poliaccoppiati e per l’ottimizzazione dei processi di saldatura e piegatura


UNA RIEMPITRICE CON CONSUMI RIDOTTI


Con la creazione della RG270, abbiamo affrontato il tema della riduzione dei consumi e della sostenibilità ambientale a livello scientifico.

Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Padova,è stato realizzato uno studio dell’impatto delle nostre riempitrici a livello di emissioni di CO2 e di consumo d’acqua lungo tutto il life cycle.

Abbiamo inoltre analizzato approfonditamente i consumi delle riempitrici, concentrandoci sulla riduzione dello spreco di energia e sull’usura dei componenti.

Applicando la filosofia dell’Eco Design, la RG270 è stata dotata di diverse soluzioni che hanno coinvolto ad esempio l’applicatore del tappo, il dosatore e il sistema di saldature.



ERGONOMIA E MANUTENZIONE AGILE


Uno dei “marchi di fabbrica” di una riempitrice Galdi è il design tutto a vista, - grazie all’ampia area finestrata - che permette di avere maggior visibilità e controllo sul processo di riempimento.

Un’altra caratteristica altrettanto differenziante ma forse meno evidente è l’accessibilità alle aree di lavoro e di manutenzione.

Tutte le aree circostanti le parti meccaniche, così come la giostra dei mandrini, sono infatti progettate per un accesso agevolato e in sicurezza.

Questo risultato è stato ottenuto anche grazie alla disponibilità di alcuni dei nostri clienti che ci hanno permesso di svolgere un’accurata analisi dell’utilizzo e della manutenzione delle riempitrici.


Il design della RG270 è stato studiato seguendo una logica precisa:

  • per gli operatori: garantire la massima accessibilità per le operazioni più frequenti o in alternativa automatizzare l’operazione
  • per i manutentori: garantire accessibilità e comodità, agevolando il più possibile anche il disassemblaggio dei componenti.

Il lavoro di progettazione e sviluppo secondo i principi dell’Ergonomic Design (focalizzato sull’operatore della confezionatrice) e del Design for Maintenance (specifico per le operazioni dei manutentori) è oggi una delle priorità per Galdi e ha portato negli anni a ulteriori sviluppi e migliorie.


USABILITÀ E DIAGNOSTICA AVANZATA


Anche a livello di usabilità, la RG270 può davvero definirsi una riempitrice avanzata, ma a livello di semplicità.

L’interfaccia del pannello con piattaforma PC-based è stata “ristrutturata” in termini di utilità e chiarezza, sia lato operatore che manutentore. E gli sviluppi continuano grazie al team dedicato alla Machine Intelligence.

A livello di diagnostica e assistenza, le funzionalità del pannello dedicate ai manutentori sono affiancate dal sistema di monitoraggio avanzato MaSH, dalla video assistenza da remoto in realtà aumentata e dalla condivisione con Teleservice.


Grazie a questi strumenti possiamo anche garantire Piani di Manutenzione Programmata più precisi e accurati, con un risparmio notevole nel tempo.



MIGLIORAMENTO CONTINUO


Considerato il “peso” di una confezione alimentare per l’OEE di uno stabilimento produttivo, la RG270 nasce con l’obiettivo di garantire alte prestazioni e massima affidabilità.

In ottica di miglioramento continuo, la ricerca e l’ottimizzazione progettuale viene integrata con un team dedicato alla risoluzione dei claim, col fine di identificare comportamenti anomali e non previsti.